News

banner

AL ROVESCIO

cosa succede dalla fine all'inizio

  • SANA 2017: nuovi contatti, team building e… divertimento!
  • SANA 2017: nuovi contatti, team building e… divertimento!
  • SANA 2017: nuovi contatti, team building e… divertimento!
  • SANA 2017: nuovi contatti, team building e… divertimento!
Cosa succede al Rovescio

SANA 2017: nuovi contatti, team building e… divertimento!

27 settembre 2017

 

Partecipare al SANA, il 29° salone internazionale del biologico e del naturale, è stato come sempre interessante ma anche l’occasione giusta per amalgamare la squadra di lavoro esistente, arricchendo al tempo stesso il nostro elenco fornitori di nuovi nomi.

Al Sana abbiamo incontrato tutti gli amici fornitori con cui non sono mancati scherzi e risate nei loro stand, la loro casa per i giorni della fiera leader del settore bio in Italia. Abbiamo trascorso quindi momenti piacevoli con Riccardo Rossi della Fattoria Romignano, Luciano di Fattoria alle Origini, Paolo Lelli che fornisce attualmente il nostro caffè. Ma non è finita qui.

Abbiamo conosciuto nuove realtà, per esempio la distilleria Walcher, dal Sudtirolo. Questo produttore di distillati bio si aggiungerà presto alle schiere dei nostri fornitori arricchendo la nostra Carta della Meditazione di gustose voci come il fernet e la sambuca. Tra le altre novità, anche l’arrivo nelle nostre cucine dei panetti di zuccheri integrali dell’azienda Panela realizzati con una procedura unica al mondo.

Il SANA per noi è un momento di vera e propria ricerca e scoperta di fornitori che lavorano coerentemente alla nostra filosofia. In altre parole, anche se si tratta di una fiera del biologico, noi puntiamo a conoscere chi lavora in maniera “naturale”, senza badare sempre alle certificazioni. E’ anche il momento in cui possiamo salutare la maggior parte dei nostri fornitori, ma non credete si tratta di solo svago.

Partecipare al SANA richiede molta preparazione. E’ un appuntamento fisso dalla prima edizione e quindi ogni anno ad agosto ci troviamo noncuranti del caldo e facciamo il piano di quali fornitori e prodotti vorremmo approfondire preparando una vera e propria lista. Quest’anno ad esempio la lista conteneva: farine, caffè, liquori, materiale di sala, olii  e una novità… alghe e clorofilla!

Troverete i risultati della nostra partecipazione al SANA nei menu stagionali che vi proporremo. Ci vediamo in Osteria e nella Stanza degli Ospiti!

  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
  • A cena con l’allevatore
Cosa succede al Rovescio

A cena con l’allevatore

11 aprile 2017

Quando i clienti escono dal locale, alla fine della cena, con il sorriso sulle labbra, salutandoci soddisfatti di quello che hanno mangiato e bevuto, per noi è ogni volta un successo.

Martedì 28 marzo, è stato come salutare degli amici venuti a cena a casa, perché con noi c’erano due collaboratori importanti, fidati, che ci aiutano a creare la nostra offerta enogastronomica: Luciano, dell’Azienda agricola Il Girasole  e Giancarlo dei Vini Ronzoni, produttori ribelli, vicini di casa nelle campagne di Reggio Emilia.

Luciano è una vecchia conoscenza del Mercato della Terra, dal 2011, quando ci incrociammo proprio nel cortile del cinema Lumière, noi alle prese con lo spazio estivo “Di Sana Pianta”, lui a vendere carne di bufalo verace e freschissima e farci dei burger più che saporiti, che andavano a ruba.
E’ nata così la nostra stretta collaborazione, che dura da anni: Luciano ha iniziato a raccontarci dei suoi bufali di razza italiana, allevati allo stato semibrado e noi siamo andati a trovarlo sulle prime colline di Reggio Emilia, per vedere dal vivo questi bellissimi animali, lasciati praticamente liberi di pascolare e nutriti con alimenti rigorosamente vegetali e senza contaminazioni.

 

il Rovescio - a cena con l'Allevatore

Così come allora, anche a cena Luciano ha girato per i tavoli e risposto alle domande di tanti curiosi, ha raccontato la sua storia, il suo metodo di allevamento allo stato semibrado che è tra i migliori, perché a meno che non piova o nevichi i bufali vengono lasciati in ampie aree a pascolare. Dalle domande dei commensali sono ovviamente scaturite divertenti digressioni, aneddoti, storie di tradizioni contadine e di allevamento nel reggiano.
Luciano ha spiegato anche i valori nutrizionali della carne di bufalo, che è molto più magra di quella bovina, con colesterolo prossimo allo zero, altamente digeribile e indicata per diete ipocaloriche. Giancarlo di Vini Ronzoni ha invece raccontato la storia della sua produzione vinicola, che risale agli anni ‘40. Ha cominciato a produrre vino suo padre e poi ha continuato lui, con un quantitativo bassissimo di solfiti rispetto ai limiti di legge.

Ma come omaggiare i nostri ospiti e questa speciale serata attraverso il cibo? In cucina ne abbiamo discusso subito, appena ci è arrivata la proposta da Luciano di fare questa serata, e alla fine i ragazzi hanno ideato per l’occasione due piatti extra menu dedicati alla carne di bufalo, accompagnati dai Lambruschi dell’Emilia di Ronzoni:

Tartare di bufalo con cruditè di asparagi bianchi, mele e saba

Spezzatino di bufalo con polenta taragna

Da leccarsi i baffi…e giuriamo che qualcuno l’ha fatto!

il Rovescio - a cena con l'Allevatore